Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2012

Riccardo Kakà

di Tari Romeo. Galliani martedì prossimo riporterà Kakà a casa. Gli accordi aspettano solo la ratifica. Resta da vedere se il giocatore brasiliano, cresciuto e maturato al Milan, dove ha espresso grandi cose, resta da vedere, dunque, se, alla luce protettiva della Madunnina, ritroverà la sua verve frizzante che non ha avuto modo di manifestare nel gioco più schematico e compassato del Real Madrid. Probabilmente nella squadra madrilena Riccardo Kakà non si è mai sentito completamente a proprio agio, anche se bisogna tener conto  del fatto che gli anni passano per tutti. Aldilà della simpatia verso la persona, dunque, speriamo di rivedere sul campo il campione dei tempi migliori. In-bocca-al-lupo.

Annunci

Read Full Post »

Papa Wojtyla

Ecco la proteina anti-Parkinson
la scoperta degli scienziati italiani
Un team dell’Istituto nazionale di neuroscienze ha individuato il c-Rel, l’elemento che previene l’insorgere della malattia. Ora la ricerca potrà concentrarsi sulla scoperta di una cura farmacologica in grado di attivare la sua produzione
Lo leggo dopo

Ecco la proteina anti-Parkinson la scoperta degli scienziati italiani

TORINO – L’Italia fa un nuovo passo avanti nella scoperta della cura per il Parkinson. Un team di scienziati coordinato dall’Istituto nazionale di neuroscienze (Inn) ha scoperto la c-Rel, una proteina prodotta dall’organismo che impedisce l’insorgere del morbo. La ricerca, pubblicata sulla rivista inglese Brain, è stata guidata da Marina Pizzi e PierFranco Spano, entrambi dell’Inn, e ha visto la partecipazione delle Università di Brescia, Verona, Cagliari, Cambridge e Cornell di New York.

I risultati dello studio dimostrano che il ruolo della c-Rel è quello di proteggere i mitocondri – gli organelli delle cellule che producono energia – dai radicali liberi, colpevoli dei danni dell’invecchiamento. Dopo i 60 anni, se con l’invecchiamento la c-Rel diminuisce o scompare, infatti, compaiono tutti i sintomi della malattia: difficoltà a mantenere la postura, ridotta produzione di dopamina cerebrale, rallentamento, rigidità e compromissione della coordinazione motoria.

“La produzione di radicali liberi – ha spiegato la professoressa Pizzi – aumenta nelle situazioni di maggior dispendio energetico e il nostro organismo è sempre impegnato a bilanciare i danni a carico delle strutture più esposte ricorrendo all’attivazione di meccanismi protettivi”. Un sistema di regolazione che perde efficacia con l’avanzare del tempo e porta, nei casi peggiori, alla malattia. Durante lo studio, infatti, i ricercatori hanno potuto constatare che nei topi di 18 mesi (60 anni umani) il blocco della produzione di c-Rel ha provocato la perdita dei neuroni della “sostanza nera”, una zona del cervello che se deteriorata causa l’insorgere del Parkinson.

Ora che proteina è stata individuata il compito dei ricercatori sarà quello di individuare una strategia farmacologica in grado di promuovere la produzione di c-Rel e fornire una cura efficace ai pazienti. Intanto il gruppo ha già iniziato a lavorare con i malati che presentano bassi livelli di c-Rel, per capire se il problema con la proteina può considerarsi una predisposizione genetica alla malattia e permettere così una diagnosi precoce e un intervento tempestivo.

(17 agosto 2012 repubblica.it)

Read Full Post »