Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘i have a dream’

” Io ho davanti a me un sogno”  

E mentre avanziamo, dovremo impegnarci a marciare per sempre in avanti. Non possiamo tornare indietro”. ( Martin Luter King)

 

Posso affermare senza tema di essere smentita che questa frase storica di Martin Luter King rappresenti la colonna sonora della tua vita. Determinazione, grinta, sensibilità,entusiasmo, rabbia, quella che produce adrenalina, con una buona dose di intelligenza emotiva, sono valori sempre  fondamentali in un carattere deciso, sgombro da retropensieri di qualsiasi natura, a volte esasperato ed esasperante nel convincere l’interlocutore di turno, e forse pure te stesso, che la notte sia giorno e viceversa. Da buono sportivo, amante e praticante, e tifoso, non disdegni mica la fatica, e la passione per la bicicletta può ben rappresentare, in questo senso, già dalla gimcana che correvi da piccolo,  la metafora del tuo percorso di vita. Tant’è che con questi presupposti, tappa dopo tappa, metti i tuoi sogni sulle gambe e cammini cammini instancabile, tenace, perseverante, persistente, senza mai voltarti indietro. La tua arma la penna, quella penna che esalta, stronca, racconta, distrugge senza pietà secondo i canoni del giornalista spregiudicato e irriverente, critico a volte cattivo a volte bonario, che non ha paura di andare contro vento e controcorrente. Non ancora diciottenne hai scelto la tua compagna di vita, alla quale ti sei consacrato con amore imperituro e dedizione assoluta. Sei riuscito  a scoprire  e riconoscere perone serie e professionisti competenti con i quali avete costituito una realtà straordinaria che vede un nutrito gruppo di lavoro impegnato giorno e notte per fornire tempestivamente comunicazioni in tempo reale, spaziando dalla cronaca locale a quella nazionale ed estera, dalla scienza allo sport, passando per le pagine di cultura e di moda. Il tutto aldilà di ogni ragionevole dubbio e senza guardare in faccia i tanti detrattori maldicenti. Una realtà straordinaria, dunque, costituita da un gruppo di lavoro eccezionale : eccellenze che da Reggio Calabria abbracciano con sguardo critico e penetrante il mondo intero con entusiasmo, discutendo quotidianamente con estrema cura e agilità di problemi spesso ostici. Mai appagato, naturalmente, ma sempre alla ricerca di nuovi stimoli e nuovi obiettivi, il 20 luglio scorso hai segnato una tappa importante della tua vita suggellando l’amore con la tua donna con il matrimonio in una  cornice  da favola con la materna assistenza affettuosa di un angelo volato  in cielo troppo presto che tutti abbiamo sentito tra noi.

Goditi questo momento, figlio mio, insieme al tuo amore;  sai bene che per arrivare in cima al tuo Ventoux ci sono diverse salite : tu ne hai scalate alcune, le altre ti aspettano perchè sanno bene che ami le sfide. Grazie di esserci, grazie per la gioia che mi dai guardandoti, grazie per tutto, e ad maiora semper. Vi voglio bene Peppe Caridi Ilaria Calabrò

Sogna, ragazzo sogna
E ti diranno parole rosse come il sangue
Nere come la notte
Ma non è vero, ragazzo
Che la ragione sta sempre col più forte
Io conosco poeti
Che spostano i fiumi con il pensiero
E naviganti infiniti
Che sanno parlare con il cielo
Chiudi gli occhi, ragazzo
E credi solo a quel che vedi dentro
Stringi i pugni, ragazzo
Non lasciargliela vinta neanche un momento
Copri l’amore, ragazzo
Ma non nasconderlo sotto il mantello
A volte passa qualcuno
A volte c’è qualcuno che deve vederlo
Sogna, ragazzo sogna
Quando sale il vento
Nelle vie del cuore
Quando un uomo vive
Per le sue parole
O non vive più
Sogna, ragazzo sogna
Non lasciarlo solo contro questo mondo
Non lasciarlo andare sogna fino in fondo
Fallo pure tu
Sogna, ragazzo sogna
Quando cade
Annunci

Read Full Post »

il saliscendi di Giufà

Checchè se ne dica io rimango della convinzione che la crisi che attanaglia l’Europa sia legata all’introduzione dell’euro. la scelta della moneta unica è stata approssimativa e penalizzante per alcuni paesi che si sono sacrificati pur di entrare a far parte del Grande Progetto. L’Italia è uno di questi: il nostro bel paese con vocazione suicida ha accettato una convertibilità da lira in euro assurda. E’ sotto gli occhi di tutti i cittadini cosiddetti normali, quelli che vivono il quotidiano che, mentre le somme che vengono percepite da un’attività dipendente, che riguarda la maggior parte degli italiani, viene calcolata tuttora, dopo oltre un decennio, nelle vecchie lire, gli importi  che escono per la vita di tutti i giorni, comprese imposte e tasse, vengono calcolati nella nuova moneta europea. All’errore iniziale si è aggiunto l’allegria euforica, o per meglio dire la cecità totale della classe politica di non provvedere a controlli indispensabili sui prezzi, ma qui il discorso è inutile perchè sono state proprio le istituzioni ad “approfittare”  imponendo balzelli proibitivi.

Certo l’analisi della cosiddetta crisi non è così semplice; secondo me la società moderna industriale  ha assunto come sistema di sviluppo l’asse produzione-consumo per cui bisogna produrre beni che devono essere consumati per mantenere il  livello di produzione. Di  questo sistema fanno parte anche il mercato del lavoro e quello speculativo finanziario, per cui quando scoppia il bubbone saltano i livelli di ocuupazione -disoccupazione e le borse azionarie impazziscono spingendo i paesi ad economia più forte, come la Germania per esempio, a fare il bello e il brutto tempo, mentre l’Italia si adatta ad assumere un ruolo di satellite servile e ossequioso agli altrui diktat.

Facendo un’analisi più antropologica, io penso che l’uomo moderno abbia perduto di vista il significato della propria esistenza, cioè l’esigenza, il bisogno, di condurre una vita dignitosa nel rispetto e nella cura di se stesso e dei suoi affetti, e si sia dedicato al culto delle cose,  per cui ci siamo ritrovati in una società senza soggetti, nella quale l’individuo, assediato dal terrorismo dei mass media, si   preoccupa del saliscendi dello spread e trascura le meraviglie, lo stupore  del suo mondo interiore e dell’ altrove a lui prossimo, costituito di natura ed esseri viventi.

Avere l’armadio pieno di vestiti e non sapere cosa indossare, avere centinaia di scarpe tanto da doversi  procurare una casa attrezzata allo scopo, accumulare ricchezze infinite, frequentare suite da migliaia e migliaia di euro a notte e poi mettersi a posto la coscienza facendo beneficenza o urlando contro tutto e contro il nulla.

E poi, ancora, combattere tutti i giorni contro uno Stato che viene percepito come una controparte dalla quale doversi difendere, quando esso, lo Stato, dovrebbe essere la massima espressione del cittadino: il più grave insulto che si debba sostenere qui e ora.

E il cittadino  sta a guardare, incapace di reagire, impotente, come l’Ulisse di Joyce, preferisce fare da spettatore, senza infamia e senza dolo.

Io non sono nichilista e spero, credo che la cultura possa essere la chiave di volta per liberarci dalla zavorra che ci carica di pesi insostenibili, e per farci  percepire la luce dei frammenti, dei particolari, delle sfumature di un universo pieno di energia, di quell’universo del quale l’uomo è parte integrante, soggetto attivo.

Viene così fuori l’Ulisse di Dante, trasgressivo e operoso, avido di conoscere e industrioso, protagonista del proprio destino, promto a fronteggiare qualsiasi pericolo, disposto ad affrontare rischi e imprevisti fidando nelle forze proprie e del suoi intimi.

In questo contesto, dunque, bisognerebbe rivedere proprio lo stile di vita e, invece di rincorrere lo spread e le oscillazioni di borsa, pensare in maniera più “elementare” all’uomo e ai suoi bisogni primari. Alcuni in questo senso parlano di decrescita; a me questo termine non piace perchè è negativo; e comincio proprio dalla parola “crisi” : questo termine, così abusato in questo periodo, viene dal greco Krisis/krino  e significa separare, giudicare, valutare, scegliere; significato positivo, dunque, per un nuovo autentico sviluppo, che può significare un ridimensionamento radicale dei canoni di vita imposti da distorsioni e speculazioni economiche, finanziarie e di mezzi di informazione superficiali e inadeguati, incapaci di cogliere i veri bisogni dell’uomo.

L’individuo attuale preferisce mimetizzarsi nella società quasi pauroso di affermare la propria identità, ignorando quanto ci hanno detto molti saggi, tra i quali

Socrate : Γνῶθι σεαυτόν, gnôthi seautón;

San Paolo: E non vi conformate a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente;

Sant’Agostino: in te ipsum redi;

Cartesio: cogito ero sum;

I have a dream: Martin Luther King;

conosci te stesso, quindi, per cogliere l’anima dell’universo, per strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza, tenendo sempre presente che i nostri sogni camminano sulle nostre gambe.

A corredo degli stimoli filosofico-sociali, come chiaro esempio di come si possa diventare ed essere liberi come individui e come paese si erge la maestosa figura di Gandhi, modello attuale per una economia che faccia leva sulle risorse endogene, sia umane che materiali, del territorio di appartenenza per rivendicare con forza, coraggio e orgoglio la propria identità, senza se e senza ma. E per quanto riguardo l’immediato credo proprio che dovremmo avere il coraggio di riprenderci la nostra cara lira.

Read Full Post »