Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Di tutto un pò’ Category

 

Repetita juvant

Spesso  la ripetizione di qualcosa annoia, stanca, irrita, aldilà dei modi di dire. In questo caso  la locuzione  è  pertinente  anche  come metafora. Non si tratta qui, infatti, di ripetizione di parole, ma di situazioni. . Prendi, dunque, un gruppo di compagni di liceo che dopo 48 anni dalla maturità si riuniscono  goliardicamente e,come per magia, si  ritrovano nell’atmosfera della classe scolastica in maniera più spensierata e amabile. Ed ecco che tra la vivacità briosa di un chiaro di Luna Ribelle e l? accoglienza in certo modo  sofisticata del Circolo del Bridge  l’11 e il 26 di settembre, nel breve giro di quindici giorni ci si ritrova in due incontri ravvicinati…….del terzo tipo, come dire della terza ( ?) età.

La competizione e l’agonismo, le tensione che ti stringe lo stomaco tra una interrogazione e un compito in classe, la preoccupazione che frena, e, forse pure talora, inibisce il tuo io, per non urtare la suscettibilità di un gruppo docenti bravissimo e severo, lasciano adesso il posto ad una serena e cordiale convivialità, ritrovando uno spirito di gruppo libero da ogni forma  di  condizionamento e,  quindi, spontaneo e genuino. Il gruppo è piacevolmente aperto, nel senso che ci si rivede anche  con compagni con i quali si è fatto un percorso scolastico limitato, e questo contribuisce ad allargare la prospettiva con l’arricchimento di episodi diversi. IL gruppo, questo nostro gruppo spontaneo è pure osmotico, perchè  vivacizzato da vicendevoli scambi culturali e di esperienze di vita vissuta in dimensioni diverse. E tra pantagrueliche portate di cibo riemerge prepotente la memoria di episodi, fatti e misfatti mai in oblio, ma in certo senso accantonati in apnea in attesa di tornare a galla più vividi che mai. Fisionomie modificate dal tempo che devi sforzarti per riconoscere, nomi che rimbalzano per poi collegarli ad un fisico, alcune volte modificato dal tempo, per ricercare ancora  il quid ( ? ) e ritrovarsi, con sentimenti di amicizia rinnovati . Abbiamo salutato tutti con piacere, dunque, l’iniziativa di Sergio, che è riuscito a radunare molti di noi, in giro qui e là per il mondo, per il primo degli incontri di questo settembre 2017; sempre Sergio, successivamente, ha coordinato il secondo incontro su espressa richiesta di Totò, che è stato il mattatore della serata.Ho pensato di fissare per iscritto queste mie riflessioni raccogliendo il materiale prodotto fino ad ora, le foto, quelle degli anni del liceo e le altre successive,  insieme alla bella lettera di Roberto in occasione del primo degli ultimi due  incontri.  Sarebbe bello che ognuno di noi contribuisse con le proprie considerazioni ad arricchire questi scritti, magari con il racconto di aneddoti che hanno lasciato il segno, attualizzandone la memoria, e anche con esperienze del proprio vissuto Poi potremmo raccogliere tutto il materiale in una specie di reportage, un instant book aperto, in itinere, nel segno della continuità con il girotondo  che ogni tanto facevamo tenendoci per mano nel cortile della nostra scuola, e che in seguito è continuato come percorso di vita di ognuno di noi in giro qui e là per il mondo.

A margine ho messo le foto vecchie, mie e di Roberto, e recenti e chiedo scusa se c’è una certa confusione, ma questo spazio è solo un blog dove non posso muovermi con professionalità. Eventualmente, volendo, potremmo ordinare tutto il materiale e riprodurlo su cartaceo .

E’ d’obbligo, a questo punto, ricordare come nasce la storia dell ‘ormai famoso Quid

Insegnante di scienze ( gesticola con la mano, apre e chiude le dita)  : “ Voi dovete cercare il -Quid- di ogni cosa”

Totò si alza e, chino a terra, va in giro per l’aula guardando e riguardando sul pavimento

Insegnate di scienze : Vai fuori, che fai ?

Totò :Professoressa !….. sto cercando il Quid

 

 

Reggio Calabria: compagni del Liceo Da Vinci si ritrovano 48 anni dopo la maturità [LE FOTO DEL PRIMA E DEL DOPO]

Dopo tanti e tanti anni si ritrovano i compagni del Liceo Da Vinci di Reggio Calabria: il racconto della serata

 

classe A del Liceo Scientifico di RC (2)

Si sono ritrovati ieri sera in riva allo Stretto, ben 48 anni dopo la maturità, i ragazzi della sezione A del Liceo Da Vinci di Reggio Calabria. Ecco la lettera di un “ex alunno”:

Un salto nel passato.

La telefonata di Sergio che preannuncia un raduno di vecchi compagni di scuola: tanti anni sono passati esattamente 48 dal nostro diploma. E subito ci vengono in mente tutti i compagni: quelli studiosi e quelli meno, quelli belli, quelli simpatici, e la serietà delle nostre compagne. E come poi non ricordarsi dei professori terribili, di quelli geniali, di quelli dall’aspetto di lord, di quelli un po’ nevrotici, di quelli ambigui. E le interrogazioni da far paura che ancora oggi ricordiamo.

E poi, dopo il diploma, ciascuno per la sua strada.

 

classe A del Liceo Scientifico di RC (1)Alla fine i vecchi compagni di scuola, anche quelli più vicini, finiscono per perdersi di vista.La telefonata appena arrivata, quindi, si apre con il cuore in gola: sono passati tanti anni dalla mitica sezione classe A del Liceo Scientifico di RC.

Cominciano i dubbi ed i timori:

saro’ troppo invecchiato perché mi riconoscano?

Mi diranno ma come ti sei trasformato, hai messo anche pancia.

Riusciro’ a  ricordare i nomi di tutti i compagni e come eravamo disposti nei banchi?

Il mio aspetto reale e attuale non assomiglia piu’ a quello di tanti anni fa.

Forse mi potrà consolare l’aver realizzato gli obiettivi professionali. Ma questo basterà per conservare la mia vecchia simpatia?

Ed allora mi assale un dilemma: affrontare i miei compagni di scuola con tutti i potenziali rischi dei confronti e dei commenti forse poco piacevoli o inventarsi, invece, un impegno per non essere presenti? 

Ma in questo caso la bella idea di ritrovarsi e la mia curiosità prevale sul timore: poi non posso non riconoscere l’impegno di Sergio che come un cane da caccia non ha mollato la preda riuscendo a stanare anche i più riottosi. Ed allora sono presente.

Chissà che fine ha fatto il tale, così bravo a scuola, oppure il tal’ altro, che invece era per tutti un asino patentato?

Chissà se verrà anche la compagna vicina di banco che mi passava il compito e che per anni mi ha accompagnato nei miei  pensieri più segreti?

Insomma  ho gettato il cuore oltre l’ostacolo, ho spostato i miei impegni e ho fatto di tutto per parteciparvi con tanto entusiamo.

Peccato per coloro che hanno detto all’inizio “ci sarò senza dubbio…” pero’ poi  all’ultimo minuto hanno deciso  di non partecipare, torturati dalla paura dell’impatto con il passato e del confronto tra chi erano e chi sono: si sono fatti prendere dal panico e hanno finto di essere malati.

Salutati con rammarico da tutto il gruppo che digita partecipe: “Poverino, rimettiti, sarà per la prossima volta”. E in realtà tutti pensano: “mio caro, hai avuto una fifa matta…”.

Alla fine arriva il momento atteso: difficile riconoscere tutti questi signori di mezza età. A volte è solo lo sguardo che aiuta, altre volte è la voce che è rimasta la stessa.

Le compagne di classe, in genere, se la cavano meglio. Anche merito delle maggiori cure che le donne, di norma, dedicano al proprio aspetto. Per alcune il tempo sembra proprio non essere passato: solo le rughette intorno agli occhi, quando sorridono, denunciano che tanti anni se ne sono già andati dall’ultima volta che le avete incontrate. Alcune, anzi, sono più sicure di sé, più consapevoli di piacere al prossimo e persino più magre. La serata passa via veloce tra gli aneddoti del passato raccontati a più voci, i ricordi condivisi, la gita di classe, il professore più amato, e forse le storie d’amore tra compagni.  

Forse sarebbe meglio conservare i ricordi della giovinezza e non sottoporsi allo stress di venire giudicati, soppesati per l’aspetto, per la riuscita professionale e personale, quando sarebbe così facile lasciare le cose come stanno.

Ma qualcosa che resta, al di là delle chiacchiere e dei ricordi tra vecchi compagni di scuola, c’è: l’emozione di guardarsi indietro e, con un senso di vertigine, scoprire quanta strada abbiamo fatto e la direzione che abbiamo preso.

È la certezza di venire proprio da lì, di avere delle radici e delle motivazioni in comune con quelli che, a prima vista, sono solo un gruppo di signori di mezza età un po’ sciupati. E invece sono proprio loro: i tuoi amati compagni di scuola.

Un abbraccio 
Roberto Trunfio

( Pubblicata su  http://www.strettoweb.com/2017/09/reggio-calabria-compagni-del-liceo-da-vinci-si-ritrovano-48-anni-dopo-la-maturita-le-foto-del-prima-e-del-dopo/601382/#Dr9HQKX1p7q1eVFQ.99 )

 

 

 

Annunci

Read Full Post »

La preghiera del pane

Amate il pane
cuore della casa,
profumo della mensa,
gioia del focolare.

Rispettate il pane:
sudore della fronte,
orgoglio del lavoro,
poema di sacrificio.

Onorate il pane:
gloria dei campi,
fragranza della terra,
festa della vita.

il più santo premio

Non sciupate il pane:
ricchezza della Patria,
il più soave dono di Dio,
alla fatica umana.

So di essere scomoda e di esserlo sempre stata, dipende dal mio carattere innato, ribelle ad ogni forma di costrizione. Questo blog esiste proprio per questo, per darmi l’opportunità di esprimere le mie idee fuori dal coro. Anche se faccio, gioco forza, delle lunghe pause per vari motivi, so di avere potenzialmente la possibilità di dire quello penso, finchè qualche bempensante non deciderà che sia giunta l’ora di tapparmi la bocca. Come al solito, secondo un mio vizio, comincio da lontano. da mia madre, nata nel 1901, che ha vissuto l’epoca fascista nel nostro bel Paese, in un borgo incantevole, baciato da una natura generosa, S. Stefano in Aspromonte, apprezzando la qualità di vita di quegli anni,  quando era possibile dormire con porte e finestre aperte, quando c’era un piano ambientale nazionale contro i rischi idrogeologici, quando c’era pure un piano per l’edilizia nazionale, di fatto le costruzioni di quegli anni sono le ultime ad avere un certo stile dignitoso, prima che spopolasse l’edilizia selvaggia, quando c’era un piano sanitario nazionale.Dopo di che il marasma totale culminato con la istituzione delle Regioni, enti locali dannosi, autorizzati alla corruzione legale e agli imbrogli. Mia madre, dicevo, una donna che ha sacrificato gli studi in medicina sull’altare della concordia familiare minacciata dalla rivalità tra sorelle. Mia madre, che aveva scritto una lettera a Mussolini scongiurandolo di non entrare in guerra, lettera che dopo aver tenuto in borsa per diversi giorni, ha strappato pensando che il Duce non  avrebbe mai potuto darle retta. Mussolini di fatto, ha condiviso l’entrata nel conflitto anche con i comunisti, se è vero, come lo è, che ha inviato al Cremlino un certo Togliatti, che, al riguardo, riceveva il placet dal Soviet Supremo. Poi parliamo di partigiani e di Piazzale Loreto, ahimè! come e quanto in Italia  è facile mistificare la storia e infierire con ferocia inaudita e ingiustificata !

 

 

 

 

 

 

 

E ancora devo sentire parlare di apologia del fascismo, mentre il comunismo, nonostante il fallimento nei Paesi dove il regime era al Governo, viene ancora esaltato dai cosiddetti compagni nostrani, che da veri Padri Zapata conducono una vita da radical-chic borghesi, e pensano di lavarsi la coscienza biascicando slogan e frasi fatte sugli ultimi e gli emarginati La poesia che ho riprodotto all’inizio di questo pezzo, guarda caso, è stata scritta proprio da Benito Mussolini nel mese di gennaio  1928 e diffusa nei giorni tra il 14 e 15 aprile dello stesso anno in occasione della Celebrazione Nazionale della Festa del Pane.

 

Sempre attuali,  queste parole, oggi più che mai,  tenendo conto della infima qualità del pane che arriva sulle nostre tavole tra grani esteri di dubbia origine e provenienza e farine manipolate. A me è capitato di vedere questa poesia esposta in alcune panetterie come di autore anonimo, quando io precisavo che la preghiera è opera di Mussolini, come minimo mi  guardavano storto ritenendo avessi bestemmiato, e dopo aver  cercato su internet restando senza parole. Io ho impresso queste parole su una tovaglia da tavola, specificando naturalmente, come si conviene, l’Autore, sulla quale apparecchio anche per amici comunisti, quelli della puzza sotto il naso, con somma goduria, e se il boccone va loro storto, chi se ne frega. Se, poi, per questo dovrei ” perdere” qualche cosiddetto amico, a buon rendere, dunque, vuol dire che proprio amico non era.

 

P.S. mi scuso per la qualità della foto della tovaglia. E’ la prima volta che stiro dopo molto tempo e ancora non sono perfettamente efficiente.

Read Full Post »

Se mi direte perchè la palude

appare insuperabile

allora io vi dirò perchè io credo

di poterla passare se ci provo”    Marianne Moore

 

Questi versi raccontano in qualche modo i miei primi settanta anni, che di fatto rappresentano il mio eterno presente. Da quando, bimba di appena cinque anni mi devo confrontare con quella avventura che pare sia l’unica  Certa che mi porta via in un batter d’occhio il mio caro papà, al mio animo ribelle che mi induce a confliggere sia con l’inquietudine del mio spirito che con tutto ciò che mi appare come ingiusto, falso, ipocrita e menzognero. Dall’esperienza del collegio, sempre contestato dal mio anelito di libertà allo slaloom per prendere in mano la mia vita tra pregiudizi, stereotipi di una società ad impronta maschilista, autoritaria e repressiva. Slegata da ogni forma di atteggiamenti da suffraggetta, proiettata invece a camminare sulle mie gambe, da sola, per non affondare nella palude del conformismo bigotto e puntando solo e sempre sul rispetto dell’altro senza guardare in faccia nessuno e camminare speditamente per inseguire i miei sogni, lasciandomi dietro zavorra e scorie che impediscono l’avanzare.

 

Non amo i bilanci, preferisco pensare al presente, che riguarda prima di tutto i miei affetti, la mia famiglia d’origine, una  mamma con la forza di una quercia e una sorella con la quale condivido tuttora un tratto di strada, il marito con il quale spesso litigo, sempre per e con sconfinato amore , e va bene così, e i tre gioielli dei miei figli che allietano la mia movimentata esistenza. Presente, dunque, che ha visto l’impegno negli studi,  nella mia professione e in ambito sociale sempre con entusiasmo, lontano da stereotipi e compromessi di qualsiasi genere, mai appagata, pronta a nuovi stimoli  e sempre alla ricerca di nuove avventure senza se e senza ma. Accuso il disagio di vivere in un Paese strano, che, nonostante mi avessero avvisato  antenati greci e latini, e poi ancora qualche altro come  Dante o Manzoni, giusto per fare qualche nome, mi riesce difficile accettare sulla mia pelle : storture, ingiustizie, illegalità di uno Stato che anzichè tutelarmi, mi aggredisce nel mio quotidiano come i tentacoli di una piovra, dai quali è difficile difendermi.  Amo la lettura e vorrei scoprire il significato intimo profondo unico dell’uomo e dell’umanità intera, ma per questo c’è sempre tempo. Ho bisogno probabilmente dei miei secondi settanta, continuando il mio percorso sulle ali di sempre del bello, del giusto e del vero.

Saluto chi ha voglia di leggermi con  questi versi di Boris Pasternak  che rispecchiano il mio carattere e la mia storia, come  meglio non avrei potuto scrivere io stessa

In ogni cosa ho voglia di arrivare
sino alla sostanza.
Nel lavoro, cercando la mia strada,
nel tumulto del cuore.
Sino all’ essenza dei giorni passati,
sino alla loro ragione,
sino ai motivi, sino alle radici,
sino al midollo.
Eternamente aggrappandomi al filo
dei destini , degli avvenimenti,
sentire,amare, vivere, pensare
effettuare scoperte.

E anche se festeggio i miei 70 insieme al Fuoco di Sant’Antonio che mi accompagna da circa un mese tra la calura ambientale, io persevero a gridare “volli, e sempre volli, e fortissimamente volli” per  continuare nell’ascesa in solitaria al Mont Ventoux.

Mi piace condividere con i miei Amici di FB questo momento e ringrazio tutti dei graditi auguri con un grande abbraccio virtuale.

Read Full Post »

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le brume

evanescenti

di un mattino

rorido di rugiada iridescente,

zampilla allegro

e ruggente svanisce

accarezzando 

l’aria sfacciata

con frizzanti fragranze screziate

Read Full Post »

Ὦ Ξεῖν’, εἰ τύ γε πλεῖς ποτὶ καλλίχορον Μιτυλάναν
τᾶν Σαπφοῦς χαρίτων ἄνθος ἐωαυσόμενος,
εἰπειν, ὡς Μούσαισι φίλαν τήνα τε Λοκρὶς γᾶ
τίκτε μ’ ἴσαν χὤς μοι τοὔνομα Νοσσίς, ἴθι.

Straniero, se navigando ti recherai a Mitilene dai bei cori,
per cogliervi il fior fiore delle grazie di Saffo,
dì che fui cara alle Muse, e la terra Locrese mi generò.
Il mio nome, ricordalo, è Nosside. Ora va’!

Da “I 12 Epigrammi di Nosside

 

Locri Epizefiri è una ridente  località in provincia di Reggio Calabria, nucleo importante della cultura magnogreca, della quale custodisce importanti vestigia, testimoni di quella cultura classica e umanistica, nel significato più profondo di questo termine, che abbraccia  tutte le scienze che concorrono alla formazione e ai saperi dell’uomo, dalla letteratura all’astronomia, dalle scienze matematiche e fisiche alla filosofia,  che sono tuttora  orgoglio della cittadina e dei suoi indigeni. Nonostante il sito sia trascurato dai circuiti del settore turistico, intenditori e appassionati di nicchia amano respirare l’aura magica di questo luogo, che emana il respiro universale di un’anima  senza tempo.

Ora avviene che Locri assurge alla prima pagina della  cronaca di tutti i media per una scritta,  apparsa su alcuni muri perimetrali di fabbricati  significativi in quanto sedi di organismi istituzionali, che descrive Don Ciotti come SBIRRO. Parola offensiva ? pare di sì se  subito si invoca la ‘ndrangheta in un coro unanime che implora inchieste, indagini, processi per identificare i mafiosi di turno ai quali comminare punizioni esemplari. E naturalmente non si perde l’occasione per  allestire l’ennesima manifestazione.  Mentre invece sarebbe imperativo categorico cogliere il grido, l’urlo disperato di un popolo civile, quel popolo veramente “per bene” che chiede giustizia e legalità aldilà dei luoghi comuni e dei preconcetti e degli stereotipi. È proprio la società civile, quella 2 per bene ” che grida e che urla a chi invece è sordo e cieco. A chi è sordo per esempio come il Presidente Mattarella, che invece di fare, chiacchiera con discorsi retorici che ormai non incantano più; a chi è sordo e cieco come Don Ciotti, il quale, a parte i suoi scheletri nell’armadio  come si può leggere qui di seguito,      http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1379573/-Non-lavoro-piu-in-nero-per-te—Don-Ciotti-lo-prende-a-ceffoni.html             http://www.liberoquotidiano.it/gallery/1379572/La-lettera-di-scuse-di-Don-Ciotti-al-ragazzo-che-ha-picchiato.html,

non dovrebbe mettere piede dalle nostre parti , lui che ha definito Reggio Calabria e Messina due cloache; un prete, che, eretto a paladino antimafia, rappresenta, invece, quanto di peggio la società possa offrire al giorno d’oggi. Cosa fa l’antimafia ? magari forse persegue le persone oneste e indifese e tutela con complicità e collusione  i grossi delinquenti. E a delinquere ormai da tempo sono proprio le Istituzioni, è proprio lo Stato, l’organismo che dovrebbe tutelare, proteggere, curare il proprio popolo, del quale è, o meglio, dovrebbe essere la massima espressione, che invece aggredisce come i tentacoli di una piovra inferocita con vessazioni di ogni tipo; e, per questo, viene percepito, esso Stato,  come la controparte dalla quale bisogna difendersi. La mafia per eccellenza, oggi, dunque, è proprio lo Stato, il Caino dal quale non ci si può salvare. È proprio triste che a dire queste cose con la sua solita enfasi e vivacità sia un personaggio come Vittorio Sgarbi, che, più calabrese di tanti locresi, a Linea Notte di lunedi 20 marzo ha fatto sentire la sua voce fuori dal coro omogeneizzato degli accademici di turno che cercavano di surclassarlo con malcelata stizza e atteggiamenti ironici, che nascondono l’incapacità di discutere nel merito.

 

Da segnalare nella stessa trasmissione l’esperto di turno che facendo riferimento all’Inghilterra afferma che questo paese   con la Brexit ha abbandonato l’euro: il poveraccio non sa neppure che l’Inghilterra l’euro non l’ha mai adottato. L’ignoranza impera in lungo e in largo soprattutto nella scatola tonta televisiva che con buona pace di tutti i benpensanti, continua a manipolare l’opinione pubblica, con presunzione, aggressività e tracotanza inaudite.

 

Read Full Post »

Solo una camicia rosa. Volevo comprare solo una camicia rosa e, mamma mia, mi sono sentita come un E.T., come fossi un extraterrestre. Ora, che io mi senta aliena nella società nella quale mi è capitato di vivere la mia esperienza in  questo mondo, è un dato di fatto incontrovertibile; come è altrettanto vero  che io sia sempre fuori dal coro e che mi piaccia  andare controvento come è scritto nel mio genoma. Questa è però un’altra storia, perchè io volevo solo comprare una camicia rosa. Sì da uomo; mio marito ha sempre in dotazione almeno due camicie rosa, una a manica corta e una a manica lunga, che stanno benissimo con qualsiasi colore di giacca, nera, blu o marrone, insomma è un colore portabile.

img_7603-2

Negli anni scorsi non abbiamo avuto alcun problema per l’acquisto di questo capo, anzi ne siamo stati accompagnati  proprio dai  negozianti di turno, che ne erano comunque forniti normalmente.Giusto per rinfrescare il guardaroba, poco tempo fa, avevo pensato di comprarne una nuova e ho cominciato a guardare  tra il mio gironzolare in città, tenuto conto del fatto che la nuova  camicia rosa non rientrava in un bisogno più o meno circoscritto nel tempo. Guardando qui e là però la camicia rosa non si vedeva più ; e allora ho cominciato a cercare con curiosità e a poco a poco, credo di avere chiesto in tutti i negozi di Reggio Calabria : ” Non si usa, non la chiede nessuno, lei è la prima persona a chiedere la camicia rosa ”   senza dire che alcuni negozianti alla mia richiesta mi guardavano storto, come fossi un’ aliena, e via di questo passo fino a che l’acquisto di questa camicia è diventato per me  di fatto una vera necessità. E’ diventato, infatti, un bisogno indotto dalla difficoltà a reperire l’oggetto.Non riuscivo e non riesco a capire  quale sia il motivo da non prevedere tra gli articoli da proporre per la vendita anche la Camicia Rosa, per uomo, normalmente, in modo naturale come qualsiasi altro capo. L’ostacolo pare sia il colore, che risulterebbe poco maschio !!???  A questo punto, se vogliamo approfondire il discorso dei colori dobbiamo raccontarci la loro storia.

pink-and-blue

Proprio sul colore rosa la narrazione è quantomai interessante e sulla sua declinazione attuale al femminile contrapposta al celeste/blu mascolino  è stato scritto pure qualche libro come “Pink and blue” di Jo.B. Paoletti,  e nel 2014 a Boston, presso il Museum of Fine Arts è stata allestita addirittura una mostra per illustrarne la storia.   Per concludere, alla fine della fiera, che la distinzione attuale tra rosa/donna e azzurro/uomo, rientra in un’ennesima operazione di marketing che ha capovolto gli usi precedenti e si è affermata intorno alla metà del secolo scorso. Infatti precedentemente  proprio il rosa era considerato un colore maschio, perchè espressione di forza e virilità, mentre il blu, ritenuto un colore calmo, sarebbe  più indicato per le bimbe.Ahimè.Io, però, volevo comprare solo una camicia rosa. Da uomo. In un negozio qualsiasi.

Rosa, la storia del colore che fino agli anni ’40 rappresentava forza e mascolinità

Il “pink” possiede un significato sociale e una forte associazione di genere più di ogni altro colore

di SDWWG 


Dall’ottobre 2013 al maggio 2014, al Museum of Fine Arts di Boston si è tenuta la mostra Think Pink, un’esposizione per esplorare la storia e l’impatto sociale del colore rosa. La curatrice, Michelle Finamore, ha raccontato di come in passato il colore non fosse associato ad alcun genere, portando ad esempio uno dei quadri esposti. Si tratta di un dipinto nel XVIII secolo che ritrae due bambini che indossano vestitini femminili, uno rosa e uno giallo: “Sopra portano un grembiule — spiega Finamore — e non è possibile dire se siano maschi o femmine”.

La parola “pink” comparve per la prima volta verso la fine del 1700. Come dicevamo, allora il termine non era legato a un genere come lo è oggi, che lo vede fortemente associato alla femminilità. Erano tempi, quelli, in cui anche gli uomini indossavano il rosa e lo utilizzavano addirittura, in combinazione al bianco, per gli interni delle proprie abitazioni.

Basti pensare al celebre “pink suit”, l’abito rosa indossato da Jay Gatsby nel Il grande Gatsby, il capolavoro di F. Scott Fitzgerald del 1925. Il colore era infatti considerato simbolo di passione e mascolinità, una versione del rosso più adatta alla vita sociale, che si allontanava dall’accezione “bellicosa” a cui quest’ultimo era legato.

Leonardo Di Caprio nel ruolo di Jay Gatsby (“The Great Gatsby” di Baz Luhrmann, 2013) indossa il celebre abito rosa.

Si pensi che il rosa non solo veniva indossato dagli uomini, ma alle bambine era perfino consigliato il colore blu. In un’edizione del 1918 di Earnshaw’s Infants’ Department si legge:

La regola generalmente accettata è rosa per i maschi e blu per le femmine. La ragione sta nel fatto che il rosa, essendo un colore più deciso e forte, risulta più adatto al maschio, mentre il blu, che è più delicato e grazioso, risulta migliore per le femmine.

Bambino in rosa, American school of painting (circa 1840)

Ma come si è arrivati a trasformare il rosa nel colore che più di ogni altro possiede un significato sociale e una forte associazione di genere? A partire dagli anni ’40, le aziende di abbigliamento iniziarono a produrre indumenti femminili in rosa e indumenti maschili in blu, senza ragione alcuna. O meglio, sembrerebbe che l’unico motivo fosse la certezza che i due sessi preferissero il nuovo colore che gli era stato assegnato.

In realtà, alcuni studi condotti sull’argomento hanno rivelato che non è affatto realistica la credenza secondo cui le persone di sesso maschile preferiscano il blu e quelle di sesso femminile amino il rosa. Piuttosto, le ricerche hanno mostrato come il rosa, tra gli adulti, sia uno dei colori tra i meno amati.

Nonostante gli sforzi del Movimento di Liberazione delle Donne, che durante gli anni ’60 e ’70 (e tra le innumerevoli altri azioni) ha tentato di abolire questa assurda differenziazione, spingendo per l’uso di colori neutri che non venissero associati ad alcun genere, le aziende di abbigliamento hanno trovato il modo di calcare la mano sulla distinzione, facendo leva sui bisogni dei futuri genitori.

Da allora, il costume si è radicato nella società occidentale e solo in tempi recenti si sta assistendo a un embrione di rivolta per sorpassare questa associazione colore-genere una volta per tutte.

Proprio nella storia particolare del rosa risiede il significato di scegliere il “pink” come colore distintivo della nostra agenzia. Una storia che lo ha visto come unico protagonista di una diatriba durata decenni: uomo o donna? maschio o femmina? A chi appartiene il rosa? Perché come diceva Virginia Woolf:

In ognuno di noi presiedono due poteri, uno maschile, uno femminile. La mente androgina è risonante e porosa, naturalmente creativa, incandescente e completa.

Ecco perché abbiamo scelto il rosa, perché la più creativa delle menti è quella che sa essere sia maschile che femminile, e quale colore meglio del rosa, con la sua storia, può rappresentare la creatività?


SDWWG è un’agenzia specializzata nello sviluppo di strategie di comunicazione complesse. Nasce a Milano nel 1983 ed è caratterizzata da un approccio multidisciplinare, crossmediale e strategico. Le competenze dell’agenzia variano dal web design all’advertising, dal digital marketing alla marketing automation, dal content marketing allo sviluppo di piattaforme di e-commerce

Read Full Post »

L’Emmaus di Peppina : storia vera

Piedi nudi

Un giorno come tanti altri. Peppina sente un leggero tocco alla porta sempre aperta della sua casetta  in campagna dove vive  con le due bimbe dopo la morte improvvisa di Giovanni. Sbarca il lunario a fatica con i pochi proventi della terra, e con grande dignità vuole che le sue figlie crescano senza privazioni. Si affaccia al corridoio d’ingresso e vede sulla soglia un viandante che le chiede qualcosa, qualsiasi cosa. Peppina non si meraviglia, spesso capitano da quelle parti zingari o pellegrini in cerca di cibarie  e lei risponde generosamente con quello che ha. Adesso dispone solo di olio di produzione propria, lo dice al viandante e guardandolo nota che la persona che ha di fronte ha i piedi scalzi pulitissimi e ne rimane sorpresa ; per arrivare alla porta di casa bisogna comunque fare un tratto di strada sterrata con erbe varie il cui calpestio  deve giocoforza lasciare un segno sui piedi nudi. Va a prendere la bottiglia di olio e quando torna, sulla soglia non c’è più nessuno e chiama, cerca, fa un pezzo di strada, nulla; chiede ai vicini se un viandante in cerca è passato anche da loro, come sempre capita, ma nulla.Razionale e pratica, Peppina non gioca con la fantasia, una vita costellata da mille difficoltà sempre vissute con grande semplicità e concretezza, deve fare i conti con un  quotidiano che non lascia spazio a digressioni e fronzoli di sorta. Credente non praticante, lontana da bigottismi e ipocrisie, è consapevole che quel giorno Cristo è andato a trovarla e ne sentirà per sempre la vicinanza speciale.

Read Full Post »

Older Posts »